dicoverQRcode

DICOVERQRCODE

PIAZZA DEI GIUDICI


LATITUDINE 43.767642

LONGITUDINE 11.2559063

ALTEZZA S.L.M 52 MT


Il nome risale al 1572 quando vi furono trasferiti i Giudici di Ruota per le Cause Civili (chiamati cosi per la rotazione degli incarichi) , i quali presero possesso del Palazzo dei Castellani l'attuale Museo di storia della Scienza.

STORIA


Anticamente si chiamava Piazza d'Altafronte, dal nome del castello che lì sorgeva, Il castello è documentato dal 1180 come un complesso di edifici articolato, anche se l'origine del primo nucleo potrebbe risalire al IX o al X secolo, visto che sono state ritrovate tracce di un muraglione, risalente forse all'epoca di Matilde di Canossa, che collegava il sito del castello con la prima cinta muraria. Tale muro andava a sostituire un precedente argine in terra, testimoniato sin dal VI secolo, e affiancava fino allo sbocco in Arno un fossato chiamato Scheraggio, lungo l'attuale via Castellani. In tale posizione il castello aveva un'importante funzione difensiva per la città, assumendo la funzione di chiudere le fortificazioni verso il fiume e proteggere il porto fluviale di firenze e le costruzioni sorte tra il fiume e le mura.

Il nome deriva dalla famiglia Altafronte che lo possedette fino al 1180, quando venne ceduto alla potente famiglia ghibellina degli Uberti.

Nel 1297 vennero affiancato dal ponte costruito, probabilmente su progetto di Arnolfo di Cambio, in un punto di antico attraversamento fin dall'alto medioevo.

Nell'alluvione del 1333, che distrusse il ponte, il castello fu molto danneggiato e passò alla famiglia Castellani da cui prese il nome la Piazza fino all'isediamento dei Giudici di Ruota soppressi nel 1841 per lasciare spazio all'Accademia della Crusca i quali lasciarono il posto all'attuale Museo Della Scienza.

Il castello residenza di Marilde di Canossa:

Nel 1077 Matilde fu deposta dal marchesato di Toscana e tutte le città toscane rinnegarono colei che era stata la loro signora per tanti anni. Tutte ma non Firenze ed è li, appena fuori le "mura Matildine" che prende la residenza.

Altri ospiti importanti

Nel 1439 vi risiedette Demetrio Paleolologo fratello di Giovanni Imperatore d'Oriente in occasione del Concilio di Firenze dove, il 6 luglio fu promulgata la bolla Laetentur Coeli (“che i cieli si rallegrino”) con la quale papa Eugenio IV annunciava l’avvenuta ricomposizione dello scisma fra le Chiese di Oriente e di Occidente

Da tiratoio a borsa


Fin da medioevo lo spiazzo antistante il palazzo era destinato a Tiratoio (luogo  dove si mettono ad asciugare le pezze di panno tinte, dopo averle stese, perché prendano la larghezza e la lunghezza desiderata) di pertinernza del Arte della Lana, fino al 1858 quando fu costruito il palazzo neoclassico della Camera di Commercio e della Borsa

LINK UTILI

STRADARIO STORICO

Copyright @ IMAGO EVENTS&DESIGN All Rights Reserved